Quando la scrittura automatica non viene utilizzata per comunicare con l’aldilà, qual è il suo scopo?

La scrittura automatica è una tecnica utilizzata da alcuni medium per comunicare con l’aldilà. Sono gli spiriti dei morti che prendono il controllo della mano del medium per scrivere e comunicare con il mondo dei vivi.

Entrare in contatto con l’aldilà

Tra le tecniche di comunicazione con l’aldilà c’è quella della scrittura automatica della chiaroveggenza, un metodo misterioso ed emozionante. Chiunque può provare a praticarlo, ma il più delle volte viene usato da chiaroveggenti e medium durante le loro sedute. Per la maggior parte di noi è difficile immaginarlo, ma per un chiaroveggente professionista è una pratica comune. L’idea che i defunti siano in qualche modo « lontani », vivendo in un mondo parallelo, non è nuova. I professionisti nel campo della chiaroveggenza, cioè i medium e i veggenti, hanno la capacità di entrare in contatto con i morti e « prestare », in modo corretto, le mani per padroneggiare la scrittura e trasmettere messaggi spirituali ai loro cari in consultazione.

Un misterioso processo di scrittura

Potreste chiedervi quali siano gli altri usi di questo metodo di scrittura quando non è legato alla scrittura automatica a mano. Qualunque sia il suo uso, il processo e il prodotto di questo modello di scrittura ha sempre un lato misterioso. Alcuni scrittori hanno usato questo processo in una sorta di stato di trance mentre scrivevano, pur rimanendo consapevoli del loro ambiente diretto. In questo caso, lo scrittore non è pienamente consapevole dei gesti della sua mano, scrive quando non c’è volontà, la mente cosciente si chiude e l’inconscio prende il sopravvento.

Altri usi della scrittura automatica

Alcuni medium sono maestri nella pratica della chiaroveggenza automatica della scrittura. È vero che c’è qualcosa di impressionante e misterioso in questa pratica. Ma è importante sapere che questo processo di scrittura è anche usato come terapia nell’ambito di un processo meditativo in cui un individuo scrive come se gli venisse dettato un testo quando non lo fa. Scrive sotto l’impulso del suo inconscio e scrive ciò che sente nella sua testa. La scrittura automatica è spesso utilizzata come strumento terapeutico basato sulla psicologia freudiana o per migliorare la conoscenza di sé. Dà poi un’idea della mente subconscia della persona che scrive.

La lungimiranza, un dono naturale eccezionale
Un veggente può lavorare sulla disincantesimo o sull’esorcismo?